AVVISO 1/2022 FONDIMPRESA: FORMAZIONE FINANZIATA PER PROGETTI DI INNOVAZIONE DI PRODOTTO E/O PROCESSO

Condividilo sui social

Fondimpresa: formazione finanziata per progetti di innovazione di prodotto e/o di processo
Ancora nuove risorse per sostenere la formazione nelle pmi iscritte a Fondimpresa, grazie all’Avviso 1/2022, con il quale si intendono finanziare interventi formativi correlati a progetti di innovazione digitale e sviluppo tecnologico basati sull’introduzione di cambiamenti significativi nelle tecniche, nelle attrezzature o nei software
I Piani, che potranno avere carattere aziendale o interaziendale.
. Sono escluse le aziende che hanno già aderito all’avviso 1/2021 “Innovazione” Fondimpresa.
Il piano formativo deve coinvolgere almeno 15 dipendenti per una durata di almeno 250 ore totali.
Le domande di finanziamento dovranno pervenire, a pena di inammissibilità a partire dalle ore 9.00 del 09 marzo 2022 fino alle ore 13.00 del 31 dicembre 2022.
La dotazione finanziaria stanziata è di 20.000.000 €
Le domande verranno esaminate in base all’ordine cronologico di ricezione sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.
FORPIN, è in grado di supportare le aziende interessate nell’analisi dei progetti di innovazione avviati, la predisposizione della domanda di finanziamento, la progettazione ed erogazione dell’attività formativa specializzata e l’attivazione di collaborazioni con enti di ricerca o dipartimenti universitari.
Per informazioni e approfondimenti contattare:

REFERENTE
Matteo Agosti

Scrivi ora

Scuola di formazione di Confindustria Piacenza

Seguici su
Contattaci

Scrivici una mail, un responsabile ti contatterà.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy